Scopri i benefici della fibra tessile in bioceramica che riflette FIR
Vai ai contenuti

Menu principale:

Perché le onde elettromagnetiche appartenenti all’Infrarosso Lontano sono preziose e benefiche?
Questi raggi sono detti bio-genici, ossia generatori di vita, raggi di vita (light of life), o onde fisiologiche, che, penetrando nel nostro sistema vitale, generano un effetto sulle molecole d'acqua del nostro corpo. Ne consegue una dilatazione dei vasi capillari, un sensibile aumento della circolazione sanguigna, un’attivazione del metabolismo dei tessuti e delle cellule.



Riassumendo brevemente i benefici dell'infrarosso lontano sono:


1) Con il calore FIR si ha un espansione dei vasi capillari, stimolando l’aumento del flusso sanguigno e favorendo la rigenerazione, il miglioramento della circolazione e l'ossigenazione. Da molti studi fatti in molte università del mondo si è scoperto che l'energiadel Fir, che percepiamo in forma di calore lieve, permette la disintossicazione, perché favorisce l'eliminazione dei grassi, dei prodotti chimici, dei veleni, di molte sostanze cancerogene, dei metalli pesanti e della stragrande maggioranza delle tossine dal sangue. Il FIR aiuta anche nell’eliminazione dell’acido lattico, degli acidi grassi liberi, del grasso sottocutaneo, del sodio in eccesso associato ad ipertensione e dell’acido urico. L’attivazione delle ghiandole sebacee e sudoripare è un conseguente ed ulteriore aiuto a liberare il corpo dai prodotti cosmetici accumulati eliminandoli attraverso la pelle, oltreché mediante i reni. La fibra in bioceramica non crea effetto calore sudorazione ma agisce all'interno declusterizzando l'acqua del corpo e favorendo i processi metabolici.


2) l’infrarosso Lontano incrementa l’attività metabolica cellulare stimolando l'attività dei mitocondri, innescando l'attività enzimatica e promuovendo quindi l'uccisione di molti agenti patogeni: batteri, virus, funghi e parassiti. L’energia FIR rafforza il sistema immunitario, stimolando una maggiore produzione di globuli bianchi (leucociti) da parte del midollo osseo e di cellule T killer dalla ghiandola timo. Si sta rivelando un fattore in grado di rafforzare la resistenza dell'organismo alle malattie infettive, aumentando la produzione di linfociti e neutrofili, e riducendo la frequenza di raffreddori ed infezioni respiratorie.


3) il calore infrarosso Lontano promuove la ricostruzione di tessuti danneggiati grazie al fatto di avere un effetto positivo sulle fibroblasti (cellule necessarie per la riparazione del tessuto connettivo) ed incrementa la crescita delle cellule, l’attività del DNA e la sintesi proteica necessaria durante la riparazione e la rigenerazione dei tessuti. Ha dimostrato di essere un ottimo aiuto per la guarigione delle ustioni, per la corretta formazione del tessuto cicatriziale e per diversi problemi della pelle. L’infrarosso Lontano promuove anche la crescita ossea ed è utile per la prevenzione dell'osteoporosi.


4) L’energia FIR allevia la tensione nervosa e rilassa i muscoli, in tal modo riduce l’indolenzimento rilevato dalle terminazioni nervose, e gli spasmi muscolari riscaldandone le fibre. Migliora l'equilibrio della pressione arteriosa, la glicemia, e favorisce l’assorbimento delle sostanze nutritive nelle cellule, con conseguente aumento della forza muscolare, della vitalità e della stabilità mentale. Di tutte le lunghezze d'onda naturali quella dell’infrarosso è la più importante per il nostro organismo, poiché è anche essenziale per regolare i livelli di ormoni quali la melatonina, l'ormone derivato dalla serotonina che svolge un importante ruolo nel sonno, nell’invecchiamento e nella riproduzione; il cortisone, un ormone steroide naturale che viene utilizzato nel trattamento dell’artrite reumatoide, dell’insufficienza surrenalica, di talune allergie e della gotta; ed anche del testosterone, il più potente degli androgeni naturali.


5) L’infrarosso lontano rafforza il sistema cardiovascolare migliorando la frequenza cardiaca ed aumentandone la gittata, e diminuisce nel contempo la pressione arteriosa diastolica.


Torna ai contenuti | Torna al menu