Scopri i benefici della fibra tessile in bioceramica che riflette FIR
Vai ai contenuti

Menu principale:

Come la fibra riflette infrarosso lontano?


Esistono in commercio dei capi di abbigliamento che sono confezionati con speciali FIBRE TESSILI BREVETTATE,  frutto di anni di ricerca e collaborazioni tra la ricerca giapponese e un azienda italiana. Tali fibre tessili sono costituite da elementi naturali minerali che lavorati e tessuti ad alte temperature danno vita a filati in bioceramica.


Le bioceramiche consentono di riflettere una porzione particolare del calore umano, questo calore, chiamato infrarosso, ha la peculiarità di riportare gli esseri viventi (uomini e animali a sangue caldo) da una fase di disequilibrio (infiammazione – ritenzione di liquidi – acidosi – cattiva circolazione ecc.) ad una fase di equilibrio, favorendo la microcircolazione del sangue e un' attivazione del metabolismo delle cellule e dei tessuti.
Tali fibre infatti RIFLETTONO l’energia che normalmente il corpo produce e disperde, favorendo la riflettanza di ENERGIA DELL’INFRAROSSO LONTANO.

Quindi è un tessuto che indossato riflette di continuo i raggi infrarossi che l'essere vivente produce, quindi senza nessuna controindicazione.  L'infrarosso lontano è assolutamente innoquo e non ostile per la persona, anzi al contrario apporta diversi benefici.

Quando il nostro corpo viene irradiato da onde elettromagnetiche di differenti lunghezze d’onda, queste vengono in gran parte riflesse mentre alcune vengono assorbite in particolare proprio quelle di lunghezza d’onda comprese tra 4 e 16 μ (micrometri), cioè quelle del dell’Infrarosso Lontano.


L’effetto predominante del tipo di raggio infrarosso emesso da queste fibre è quello di ECCITARE, sia rotazionalmente che vibrazionalmente, le molecole d’acqua consentendo una rottura degli atomi di idrogeno che formano i cluster delle molecole d'acqua.
L’acqua infatti, a causa della presenza di atomi a polarità opposta (idrogeno a polarità positiva e l’ossigeno a polarità negativa),  tende ad organizzarsi in clusters, ossia ad interagire con altre molecole d’acqua formando  delle macromolecole più grosse. In natura questo lo osserviamo in quanto le goccioline d’acqua non sono piatte, ma tendono ad assumere una forma sferica che sarà più accentuata quanto maggiore è il numero di molecole d’acqua aggregate tra loro.


La fibra che riflette infrarosso lontano favorisce la riorganizzazione dei CLUSTERS dell’acqua presente fisiologicamente nell’organismo, favorendone la rottura in gruppi di molecole più piccole (soprattutto in forma di trimeri: 3 molecole d’acqua aggregate),



permettendo così all’acqua di attraversare più agevolmente la membrana cellulare e svolgere le normali funzione di NUTRIMENTO e OSSIGENAZIONE e nel contempo anche di DETOSSIFICAZIONE (cioè di eliminazione delle sostanze nocive: anidride carbonica, tossine, acido lattico ecc che vengono normalmente prodotte dalle cellule).  
                                                                  
Tutto questo favorisce la biostimolazione e



Richiedi tutte le informzioni che vuoi qui!







Torna ai contenuti | Torna al menu